Perché ogni azienda e-commerce ha bisogno di un blog (e alcune idee per iniziare)

Volete del traffico sul vostro sito. Avere un blog genera traffico per il vostro sito. Chiunque riesce a capire la prima parte, ma è stupefacente quanto siano poche le persone che comprendono la seconda.

L’idea che si possano solo generare delle vendite effettuando vendite dirette può essere seducente. Ma gestire l’inventario, interagire con la propria lista email e fare telefonate per ottenere clienti potenziali funzionerà solo fino a un certo punto. Se state passando tutto il vostro tempo nel cercare di convertire dei clienti, ben presto smetterete di dare buone ragioni ai nuovi clienti per scoprire la vostra attività.

Tenere un blog è un ottimo modo per costruirvi un pubblico e generare più traffico e vendite per la vostra attività. Non dovreste considerarlo un lusso facoltativo. Anche dei post poco frequenti potranno aiutare la vostra azienda.

Avere più blog post porterà del traffico organico sul vostro sito perchè migliorerà la SEO, vi permetterà di raccontare storie che potranno convertire visitatori in clienti, e aumenterà le possibilità di interazione non solo sui social, ma anche sui media tradizionali. Potreste aumentare le possibilità di essere citati da un sito di notizie, che sono spesso visti come fonti di notizie più credibili. E poi, avete presente tutte quelle raccomandazioni sul fare marketing con i contenuti? Per la maggior parte delle attività, questo significa scrivere degli ottimi blog post.

Se avete bisogno d’ispirazione, questo post esplorerà tre esempi di piccole attività che gestiscono ottimi blog.

Come il blogging vi aiuta a scalare i risulatati sui motori di ricerca

Se il vostro pubblico è piccolo, potreste essere poco convinti nell’usare un blog, perchè pensate che nessuno lo leggerà. Non arrendetevi. Non avere un blog è un modo sicuro per assicurarsi che il proprio piccolo pubblico resti tale.

Il blogging, anche se non state ottenendo risultati strabilianti, aiuterà il vostro sito per quanto riguarda il posizionamento sui motori di ricerca. Questo è specialmente vero se create contenuti che involgliano altre persone a inserire link verso di voi.

blog-risultati-google

Perchè questo aiuta? Per le seguenti ragioni.

Innanzitutto, fare blogging significa che il vostro sito avrà più pagine. Avere più pagine significherà avere più link interni che riportano alla vostra pagina principale.

I link interni sono ottimi, ma i link dagli altri siti sono ancora meglio. Quando un vostro articolo verrà condiviso sui social media e linkato da altri siti, la reputazione della vostra pagina salirà molto. È più facile generare link con dei contenuti interessanti invece che con le vostre pagine dei prodotti. E più link potrete generare verso il vostro sito grazie ai vostri contenuti, più salirete nei risultati dei motori di ricerca.

Mantenere un blog regolare segnalerà inoltre che il vostro sito viene aggiornato. I motori di ricerca tengono conto di questi cambiamenti. Ogni nuova pagina è un segno che il vostro sito è attivo. Google vi ricompenserà ponendo il vostro sito più in alto nei risultati.

Il blogging vi darà anche la possibilità di posizionarvi per un numero maggiore di frasi chiave, perchè vi darà modo di creare contenuti intorno alle parole chiave che state mirando. Qualsiasi pagina del prodotto che linkate nel vostro blog verrà ulteriormente rafforzata indirettamente dai link esterni verso quel post. Non si tratta soltanto del fatto che qualcuno che cerchi ciò che state scrivendo avrà maggiori possibilità di finire sul vostro sito. Darete anche a voi stessi maggiori opportunità di creare una migliore navigabilità interna con “anchor text” interessanti che si collegheranno alle vostre pagine dei prodotti.

I blog sono una piattaforma di marketing per raccontare la vostra storia

Il miglior motivo per avere un blog è sicuramente la possibilità di acquisire un pubblico di acquirenti ripetuti.

I tweet e gli status su Facebook possono funzionare solo fino a un certo punto quando avete qualcosa da raccontare. A volte vi servirà qualcosa di più di Pinterest per promuovere i vostri prodotti. E benchè i video possano essere il metodo più efficace per raccontare una storia, crearne uno richederà solitamente molto lavoro.

Basta osservare l’anatomia di un blog. C’è un titolo, per spiegare ai lettori cosa si potranno aspettare. C’è dello spazio per raccontare una storia. Potete inserire molte immagini interessanti. Qualsiasi cosa voi twittiate potrà rientrare in un blog post, e potrete inserire anche dei video in mezzo al testo. È un mezzo molto versatile per raccontare una storia.

È importante saper raccontare delle storie. Parlare delle fantastiche specifiche tecniche dei vostri prodotti vi aiuterà solo fino a un certo punto, le persone rispondono emotivamente alle storie.

Oltre a inserire la vostra storia, potreste anche mettere in mostra i vostri prodotti. Siete uno dei maggiori esperti al mondo per quanto riguarda i vostri prodotti, siete in grado di descrivere come questi siano fabbricati, da dove provengano, e quali siano le loro caratteristiche speciali. Fate notare cosa li rende interessanti, e sarà più probabile che verranno comprati.

Quindi bloggate, e portate maggiore attenzione sulla vostra storia e sui vostri prodotti.

I blog vi rendono visibili

Quando state scrivendo dei buoni contenuti che le persone vorranno leggere e condividere, finirete nelle posizioni più alte dei motori di ricerca. Ogni link al vostro sito, dai social media, da altri blog, e da qualsiasi altro luogo, sarà un segnale per Google riguardo alla rilevanza del vostro sito.

Guardate in faccia la realtà: non potrete promuovere la vostra pagina “Azienda” su Facebook un numero infinito di volte, e sarà difficile creare più di qualche tweet per ciascuno dei vostri prodotti. Quando scrivete i blog post, avrete più contenuti di cui twittare, e da condividere su Facebook. Un blog post non vi darà soltanto più materiale per i tweet, ma incoraggerà anche le altre persone a creare link verso di voi. Chiunque twitti riguardo al vostro blog porterà quasi sicuramente dei nuovi visitatori sul vostro sito.

Il blogging vi permette di creare contenuti che dimostrano la vostra esperienza molto maggiormente rispetto a delle vostre dicharazioni a sè stanti. Vi posizionerà anche come una figura più autorevole rispetto ai vostri concorrenti.

Se avete dei contenuti di buona qualità, il vostro post potrebbe attrarre attenzioni da settori separati. Queste potrebbero provenire da reporter e blogger di alto rilievo. Ottenere l’approvazione dei media può avere un valore inestimabile. Beardbrand è un’azienda con vendite mensili che superano i $120’000; è diventata molto più conosciuta dopo un articolo del New York Times.

Non saprete mai chi vi stia leggendo. Tranne, ovviamente, quando non producete nulla che le persone possano leggere. In quel caso, potrete stare certi che i vostri lettori siano esattamente 0.

Come inventarvi idee per i blog post

Non siete delle schegge a scrivere, vi sentiamo obiettare? Non avete abbastanza tempo da dedicare al blogging?

A questo punto dovreste aver capito che la seconda obiezione sia in realtà semplicemente un errore. Il blogging ha molto valore. Se avete abbastanza tempo per gestire delle piattaforme di social media, avrete sicuramente tempo a sufficienza per scrivere un post a settimana.

E non preoccupatevi se non siete dei grandi scrittori. I vostri post possono essere brevi. Immaginate che il blogging non sia altro che un tweet un po’ più lungo, o l’espansione di una descrizione del prodotto. Forse volete soltanto mettere in risalto dei contenuti interessanti che avete trovato online. Potete anche semplicemente inserire un video. Nessuna di queste opzioni richiede grandi doti di scrittura.

Non dev’essere qualcosa che fate ogni giorno. Basta anche una volta a settimana. Assicuratevi soltanto di scrivere regolarmente e di parlare di argomenti interessanti.

Ecco alcuni suggerimenti per tematiche su cui bloggare:

  • La storia della vostra creazione come azienda: gli inizi, la missione e la crescita
  • I vostri prodotti: da dove provengono, come sono creati, e quali sono le loro caratteristiche speciali
  • Tutorial per usare i vostri prodotti
  • Annunci legati alle offerte
  • Eventi che state organizzando, o in cui state partecipando
  • Consigli sui prodotti, anche non vostri
  • Notizie aziendali
  • Sviluppi nel settore
  • Qualcosa di curioso trovato online. Potrebbe essere legato ai vostri prodotti, ma non dev’esserlo per forza.

Conclusione

Quindi, usate un blog. Vi aiuterà a ottenere più clienti, e a vendere i vostri prodotti.

Considerate che ciò che scrivete resterà per i posteri. Un articolo scritto l’anno scorso potrebbe essere ancora attivo, e raccogliere click e visite. Benchè possiate non avere clienti adesso, un vostro post potrebbe raccogliere migliaia di visualizzazioni nel corso della sua vita.