Utilizzare le finestre popup per ottimizzare vendite e conversioni

Mentre visitate un sito web improvvisamente si apre una finestrella che interrompe bruscamente la nostra navigazione. Ebbene sì, sarà capitato a tutti di imbattersi in un popup, un’esperienza a volte sgradevole e fastidiosa per gli utenti.

Ma per aumentare le vendite on line, funzionano, e anche bene, se usati con qualche buon accorgimento.

Sembra un’apparente contraddizione. Per questo vi spiegheremo i pro e i contro dei popups e, soprattutto perché e come utilizzarli al meglio per il vostro e-commerce.

Perché i popups funzionano?

La caratteristica principale dei popups è quella di fornire una Chiamata all’Azione (Call to Action) molto forte e immediata. A volte sono usati per pubblicizzare servizi forniti dal sito in cui vengono visualizzati (o da terze parti) ma, nella maggior parte dei casi, il loro scopo quello di raccogliere indirizzi email.

In quest’ottica la Call to Action così potente contenuta nei popups consente agli utenti di ricevere una spinta per realizzare l’iscrizione. Magari essi sono solo interessati solo ai vostri contenuti e che non fanno caso al fatto che abbiate una newsletter.

Raccogliere indirizzi email e poi utilizzarli per campagne di email marketing efficaci aumenta la possibilità di convertire gli utenti in potenziali clienti. Il numero di iscritti alle newsletters è infatti un indicatore chiave di performance per il marketing.

Più di un test ha dimostrato l’efficacia dei popups per tale scopo, sottolineando l’incremento della percentuale degli indirizzi email raccolti prima e dopo la loro installazione.

Il canale email produce il tasso di conversione più alto comparato agli altri canali, addirittura maggiore di quello che si riscontra tramite l’utilizzo dei canali social. A questo punto si intuisce l’enorme potenziale che l’uso dei popups può avere per aumentare le vendite nel vostro e-commerce.

Alcuni svantaggi dell’uso dei popups

Non tutti i siti usano popups, perché ci sono alcuni aspetti negativi da prendere in considerazione. A continuazione vi proponiamo i principali svantaggi del loro utilizzo da esaminare prima di decidere se installarli o meno.

  1. Vengono percepiti come sgradevoli da molti utenti, tanto da decidere di uscire dalla pagina web.
  1. Alcuni popups, specialmente quelli che contengono scripts, potrebbero rallentare il caricamento della pagina, un fattore che influenza sia il tasso di conversione sia la SEO.
  1. Se non si trasmette esattamente il messaggio giusto al momento giusto l’effetto può essere solo di infastidire e distrarre l’utente.

Tipologie di popups

Per poter sfruttare al meglio le potenzialità offerte dai popups, è bene avere una conoscenza sulle varie tipologie esistenti e quali di esse si possano adattare meglio alle vostre esigenze di business.

  • Popup a tempo: Appaiono dopo un certo periodo di tempo in cui si naviga nella pagina. Possono funzionare bene se vengono impostati dopo 60 o più secondi. In questo modo si è più certi che quel punto verrà mostrato ad un utente che è già nel vostro sito web per un buon lasso di tempo da potersi definire interessato all’acquisto.
  • Popup legati ai contenuti: Sono quelli che appaiono solo in specifiche pagine del sito.
  • Scroll popup: Questo tipo viene visualizzato solo quando l’utente raggiunge un certo punto della pagina. Sono simili a quelli a tempo, perché vengono mostrati solo a utenti che già hanno visitato una specifica porzione della pagina, per esempio da metà pagina in poi.
  • Popup di uscita: Sono quelli utilizzati più raramente. Vengono visualizzati solo quando l’utente sta per uscire dalla pagina. Viene usato come ultimo tentativo di ottenere un indirizzo email o di offrire uno sconto prima che l’utente lasci il sito.
  • Pop out: Un pop-out è una versione leggermente diversa di un pop-up. Invece di essere visualizzato e interrompere la navigazione, appare da un lato del browser consentendo di continuare l’attività del visitatore del sito.

Finestra Pop Up

Come sfruttare al meglio i popup

Una volta deciso che un popup funzionerebbe bene per le vostre esigenze, ci sono alcune cose da considerare per renderlo il più efficace possibile. Diamo uno sguardo alle due caratteristiche fondamentali perché un popup possa funzionare al meglio.

Il tempo: I popups possono essere mostrati in punti diversi della navigazione dell’utente: appena esso entra sul vostro sito, dopo un periodo di tempo predeterminato, quando portano a termine una certa azione (come la visualizzazione di una pagina particolare) o quando sono in procinto di lasciare il vostro sito.

Mostrando un popup non appena un visitatore entra nel vostro sito potrebbe fornire un numero maggiore di email, ma allo stesso tempo può essere anche un’esperienza fastidiosa e invasiva per l’utente.

E’ importante anche tenere conto che quello che ricavate con questo approccio potrebbe portarvi ad una lista di email con parecchie persone che poi effettueranno la cancellazione dalla newsletter. Ciò può succedere perché l’utente non ha avuto abbastanza tempo per esplorare il sito e ciò non può darvi molta sicurezza sul fatto che sia veramente interessato ai vostri prodotti o contenuti.

La scelta del messaggio: E’ un punto cruciale. L’immagine deve catturare l’attenzione del visitatore del sito e il testo dove andare dritto al punto, fornendo un chiaro e immediato vantaggio insieme a una forte Chiamata all’Azione.

Considerate che molti utenti sono abituati a chiudere immediatamente i popups, quindi avrete pochi secondi per richiamare il loro interesse.

Per scoprire il tipo di popup più efficace per il vostro e-commerce, sarebbe meglio sperimentare un po’ fino a trovare la modalità che funziona meglio.

Altri usi utili dei popups

Oltre che per la raccolta di indirizzi email, ci sono altri modi per utilizzare i popups e ottenere vantaggi per il vostro e-commerce.

  • Per rispondere a una potenziale domanda da parte dei visitatori prima che essi stessi lo chiedano (Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €! ACQUISTA SUBITO)
  • Per incoraggiare il download o la visualizzazione di un ebook o porzioni di contenuto (Scarica il nostro e-book gratuitamente! CLICCA QUI)
  • Per proporre sconti interessanti (10% di sconto sul tuo primo acquisto! COMPRA ADESSO)
  • Per porre una domanda agli utenti e raccogliere maggiori informazioni sulle loro abitudini (Aiutarci a scegliere il nostro nuovo logo! VOTA SUBITO)
  • Per presentare un nuovo prodotto o linea di prodotto (Guarda l’anteprima della nostra nuova collezione 2017! GUARDA ADESSO).

Dopo questa panoramica dei pro e i contro dell’uso dei popups e su come usare al meglio le loro potenzialità, vi sarete fatti un’idea se funzionerebbero o meno per il vostro e-commerce.

Se decidete di usarli, chiedetevi sempre prima che valore possa apportare ai vostri potenziali clienti.

Siete riusciti a rispondere con motivazioni positive alla domanda?

In questo caso c’è una grande probabilità che raccoglierete successi per il vostro business attraverso l’uso dei popups.

 

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here