Vendere online, come fare per avviare un e-commerce

iniziare a vendere online

Vendere online è una pratica abbastanza diffusa, ma esistono ancora visioni distorte di cosa serve per avere successo nel mondo dell’e-commerce e cosa comporta portare avanti un’attività di vendita online.

In questo articolo vedremo, passo dopo passo, tutti gli step di base per avviare un ecommerce, e scopriremo che iniziare non è assolutamente difficile o costoso, ma per avere successo serve impegno, perseveranza e creatività.

In breve, cosa serve per vendere online:

  1. Un prodotto/i, un servizio, o un’idea da vendere online
  2. Una piattaforma tecnologica che ci permetta di gestire l’intero ciclo di vendita
  3. Un brand, un’identità digitale efficace che ci contraddistingua
  4. Una strategia di lancio e di marketing per promuovere il nostro ecommerce
  5. Un piano di gestione che ci permetta di analizzare i risultati ed ottimizzare le vendite aumentando i guadagni nel tempo

Step 1. Trovare un prodotto che abbia mercato online

Ovviamente se siete già commercianti o proprietari di un negozio fisico, non avrete bisogno della fase di ricerca del prodotto, ma potrà sempre tornare utile valutare la viabilità del prodotto online, la concorrenza e la popolarità nei trend di ricerca.

Se invece intendete lanciare un nuovo business con una nuova idea di prodotto, potete sceglierlo in due modi:

  • basandovi sulle vostre capacità e sulle vostre conoscenze. Il valore aggiunto derivante dall’esperienza personale è spesso un fattore di successo decisivo. Poter offrire consulenza, supporto o semplicemente un prodotto di qualità è spesso determinante per catturare vendite online.
  • effettuando delle ricerche sui trend e le opportunità che la rete stessa ci offre. Ovviamente questo non è un processo semplice, per questo abbiamo redatto una guida apposita che potrà esservi di aiuto.

Qui su Ecommerce Italia trovate un intera guida dedicata a questo aspetto cosi importante.

Step 2. Scegliere la piattaforma giusta per vendere online

Questo è un capitolo molto lungo e su Ecommerce Italia troverete vari approfondimenti sui software per vendere online. Non esiste una regola di base, valida per tutti i business, ma fondamentalmente i parametri determinanti sono:

  • il budget a disposizione per la realizzazione
  • la tipologia dei prodotti e il business model
  • la disponibilità/volontà di affidarsi a duna agenzia o di cominciare in autonomia (DIY)

Senza mezzi termini, le soluzioni che in genere consigliamo (in base alle necessità) per cominciare a vendere rapidamente, in maniera sicura ed affidabile sono Shopify, WooCommerce o Magento. In questo articolo potete approfondire l’argomento.

Oltre a vendere sul proprio sito, molti scelgono di diversificare i canali di vendita appoggiandosi ai marketplace (Ebay, Amazon, etc). Anche questa è una scelta che porta benefici ma a volte può avere controindicazioni. Lo andremo ad approfondire.

Step 3. Creare un’identità online

Contrariamente a quanto si possa pensare, nel mondo delle vendite online la fidelizzazione dei clienti è un elemento fondamentale. Per questo è importante curare il proprio brand, i colori, il design del sito e di tutti i canali di comunicazione in maniera tale da essere riconoscibili e comunicare i propri valori.

Se disponete già di logo e corporate identity, potete lavorare al portale in modo da allinearvi alla linea grafica esistente. Altrimenti potete:

  • affidarvi a un professionista per realizzare l’immagine coordinata del vostro nuovo business online
  • provare a divertirvi con dei tool per creare un logo in autonomia a costo zero

Ovviamente è sempre consigliabile affidarsi a professionisti per un aspetto cosi importante come la creazione di un brand.

Step 4. La strategia di marketing

Avere un negozio online senza avere visibilità non serve a nulla, ecco perchè una strategia di marketing ben progettata può determinare il successo del vostro ecommerce. Esistono innumerevoli strumenti per fare marketing online, alcuni abbastanza intuitivi, altri dove sono necessarie competenze specifiche per utilizzarli.

Dividendoli in categorie possiamo riassumere in:

  • Pay per Click / Pay Per View (Google AdWords, Facebook AD, Twitter AD) – Sono strategie molto popolari sul web perchè paghi solo per i risultati effettivamente ottenuti dalla tua campagna
  • Social Media Marketing – Grazie alla loro popolarità, i social media sono spesso ottimi canali per farsi conoscere online dalle persone giuste
  • Direct Marketing – Il marketing diretto (ad esempio le newsletter), sono uno strumento utilissimo per avviare e mantenere un rapporto diretto con il nostro interlocutore
  • Content Marketing – La creazione di contenuti tematici ad alto valore aggiunto per il settore merceologico di nostro interesse è sempre un ottima strategia per acquisire traffico e posizionarsi sui motori di ricerca

Se volete approfondire le strategie di marketing, le tecniche ed i software necessari, noi di Ecommerce Italia abbiamo un’intera sezione dedicata.

Step 5. Gestione, analisi ed ottimizzazione

Vendere online è anche divertente, perchè con il tempo si acquisiscono dati di ogni tipo che, correttamente analizzati, ci permetteranno di migliorare il servizio, acquisire già cliente e quindi incrementare i guadagni.

analisi e ottimizzazione

In primis è sempre buona regola raccogliere feedback diretti dai clienti acquirenti, misurarne la soddisfazione e recepire positivamente eventuali lamentele per migliorare i propri servizi.

Un altro aspetto fondamentale è capire quali sono i canali di traffico che stanno portando visitatori convertendoli in clienti, in modo tale di rafforzarli ed eventualmente ricercare nuovi canali di traffico e vendite.

Esistono poi tante altre metriche significative per valutare lo stato di salute del nostro business online, il numero di visite, il tempo di permanenza, il tasso di conversione solo solo la “punta dell’iceberg” di un vasto universo di dati.

Conclusione

Abbiamo visto una panoramica generale quali sono gli aspetti principali che comporta l’avviamento di un’attività di vendita online. Ognuno di questi può essere approfondito in particolari altrettanto importanti, ma in questo modo riusciamo già ad avere una visione completa degli aspetti più significativi del mondo ecommerce.

Come ogni business “offline” anche l’ecommerce comporta impegno specialmente in fase di avviamento, ma una volta partiti le possibilità di crescita che ci offre la rete sono praticamente illimitate.

2 COMMENTI

  1. Salve, come vengono impostato i dazi doganali sui prodotti importati, “via il dropship”, dalla Cina?

    chi riceve il prodotto deve pagare un extra di 20℅ di tasse?

    Grazie

Comments are closed.